Biografia

cocchi-2

Laureato a Bologna nel 1971 in Medicina e Chirurgia ha sviluppato il suo curriculum di ricerca scientifica e didattica nell’ambito della Biochimica della Nutrizione presso il Centro Ricerche sulla Nutrizione dell’Istituto di Biochimica dell’Università di Bologna.

Ha conseguito la specializzazione in Scienza dell’Alimentazione e in Igiene e Medicina Preventiva presso l’Università di Pavia, rispettivamente nel 1974 e nel 1978.
Le ricerche condotte hanno avuto come tema dominante il metabolismo lipidico nell’uomo e nell’animale da esperimento con particolare riguardo alle funzioni di membrana e d’organo, (metabolismo dell’acido erucico, metabolismo degli acidi grassi polinsaturi in condizioni fisiologiche e patologiche, nutrizione lipidica del paziente critico, metabolismo lipidico di membrana cellulare e nutrizione cellulare, hanno rappresentato i momenti salienti di ricerca).

Dal 1990 si è dedicato in particolare allo studio e alla ricerca sul metabolismo degli acidi grassi n-3 nello sviluppo embrionale dell’embrione di pollo con specifico riferimento al cervello.
In tale ricerca sono stati prevalentemente focalizzati gli aspetti biochimici dell’Acido Docosaesaenoico (DHA) nel trasporto dal sacco vitellino, al fegato, al cervello, data la corrispondenza di questi aspetti biochimici e metabolici con lo sviluppo embrionale umano.
Negli ultimi cinque anni si è anche dedicato alla ricerca sul rapporto fra acidi grassi e antiossidanti nelle patologie neuropsichiatriche (depressione) e nella patologia cardiovascolare ischemica in collaborazione con la Clinica Psichiatrica dell’Università di Siena.
Per le finalità suddette ha definito con il Prof. Siro Passi – Direttore del Laboratorio di Invecchiamento Cellulare (I.D.I. IRCCS Roma), le metodiche analitiche per la valutazione, nell’uomo, degli antiossidanti (lipofili, idrofili, enzimatici, non enzimatici) e dei pro-ossidanti, a livello plasmatico, eritrocitario, linfocitario e piastrinico.

Nel 1990 è stato nominato Lecturer di Biochimica della Nutrizione presso lo Scottish Agricultural College.
Nel 1995 è stato nominato Professore di Biochimica della Nutrizione presso lo stesso College.
Nel 1998 è stato chiamato a dirigere e coordinare il Dipartimento di Reti Neurali Artificiali in Nutrizione Umana e Produzione Agro-alimentare del Centro Ricerche Semeion di Roma (Ente scientifico riconosciuto dal Ministero dell’Università e della Ricerca Scientifica e Tecnologica nel 1991).
Nel 1998 ha costituito un Gruppo di Studio denominato BARC (Brain Antiageing Research Club) con illustri ricercatori italiani e stranieri.
Nel 1999 è stato nominato Segretario Scientifico della Società Internazionale Olio di Oliva e Salute.
Nel 1999 ha fondato la rivista scientifica PROGRESS IN NUTRITION oggi recensita da Excerpta Medica e dal circuito Thomson Scientific, ISI Web of Knowledge e oggi, con impact factor.
Nel 2003 è stato nominato Presidente della Società Scientifica “Associazione Ricercatori Nutrizione e Alimenti” (ARNA).
Nel 2005 è stato nominato Presidente della Società Italiana di Biologia Sperimentale-Sezione di Bologna “Oliviero mario Olivo”.

E’ stato responsabile scientifico di un Progetto del Ministero della Marina Mercantile per la realizzazione di una razione alimentare di emergenza, oggi resa disponibile per il terzo mondo gratuitamente.
E’ stato coordinatore e responsabile scientifico di un Progetto del Ministero della Salute e della Regione Basilicata sul rapporto tra produzione agro-alimentare tipica e salute umana.
Questo lavoro è esitato nella realizzazione delle Tabelle di Composizione dei Nutrienti Strategici dei principali alimenti tipici della Lucania, rappresentandone un esempio fino a oggi unico nel panorama nazionale ed ha contribuito alla divulgazione dei pregi di tali alimenti presso le altre regioni e istituzioni cui è stato presentato.
E’ stato coordinatore e responsabile di un progetto della Regione Abruzzo denominato:
Progetto“ Obesità e Alimentazione: un problema dell’età scolare”.

Nel 2008 ha costituito un gruppo di ricerca con Mark Rasenick, Direttore dei programmi di psichiatria dell’Università di Chicago, con Stuart Hameroff, Direttore del Center for Consciousness Studies dell’Università dell’Arizona e con Kary Mullis, Premio Nobel per la Chimica nel 1993 (PCR).
Da alcuni anni si occupa di acidi grassi piastrinici nella Depressione Maggiore e nella Cardiopatia Ischemica. Con l’ausilio delle reti neurali artificiali, in accordo con i risultati ottenuti nelle piastrine, è stato possibile classificare i soggetti portatori di tali patologie rispetto ai normali e classificare i soggetti con Depressione Maggiore rispetto a quelli affetti da Bipolarismo.
La ricerca effettuata è stata condivisa da illustri ricercatori stranieri ed ha portato alla formulazione di un’affascinante ipotesi biomolecolare per il disordine psichiatrico.

Nel 2008 ha avuto l’onore della nomination al Kioto Prize per la ricerca effettuata sui Disordini dell’Umore e sulla Cardiopatia Vascolare Ischemica
(…Il premio giapponese è simile, negli intenti, al Premio Nobel, poiché riconosce opere nei campi della filosofia, delle arti, della scienza e della tecnologia. I premi sono attribuiti non solo a quelli che rappresentano il massimo livello nelle loro discipline, ma anche a quelli che hanno contribuito al bene per l’umanità con il loro lavoro…)
Dal 2008 è Full Professor di Biochimica della Nutrizione nell’Università L.U.DE.S. (Lugano, Switzerland).

Nel 2009 è stato nominato Direttore dell’Istituto Paolo Sotgiu per la Ricerca in Psichiatria e Cardiologia Quantitativa e Quantistica.

 

fonte: http://www.unibo.it/docenti/massimo.cocchi